Search
Tuesday, September 26, 2017 ..:: In Forma » Esercizi per la schiena » Il mal di schiena ::.. Register  Login
 Links Minimize


 Print   

 Sponsors Minimize

Copertina_Libro.jpg

 Print   

 Lombalgia e lombosciatalgia Minimize

 LOMBALGIA E LOMBOSCIATALGIA

La lombalgia, nota anche come lombaggine, è una forma molto diffusa di dolore o fastidio muscolo-scheletrico della regione postero-inferiore del dorso, lombosacrale e sacroiliaca, talora irradiato agli arti inferiori (sciatica).
Sintomatologia: dolore alla schiena bassa, senza irradiazioni alle gambe, se il dolore si irradia verso le gambe si parla di sciatica. La sensazione dolorosa può peggiorare rimanendo troppo tempo in piedi, oppure alzandosi da una posizione seduta, piegandosi in avanti come quando ci si allaccia le scarpe o anche inclinandosi leggermente in avanti come quando ci si lava il viso davanti ad un lavandino. La rotazione del busto solitamente provoca dolore.
La lombosciatalgia (radicolopatia) è rappresentata da una lombalgia con irradiazione
dolorosa al di sotto del ginocchio (interessamento delle radici nervose lombari L5 o S1, in oltre il 90% dei casi);
la lombocruralgia (dolore irradiato alla faccia anteriore della coscia) è dovuta a
interessamento delle radici lombari più alte, più spesso delle radici nervose lombari L3-L4.
Oltre il 95% dei pazienti ha una causa meccanica alla base del dolore lombare.
La lombalgia meccanica può essere definita come dolore secondario a un uso eccessivo
o a una abnorme stimolazione di una normale struttura anatomica (muscoli, legamenti,
periostio, fasce, faccette articolari, radici nervose spinali) oppure dolore secondario a un
trauma o a una deformità di una struttura anatomica (frattura, erniazione del nucleo
polposo, artrosi interapofisaria posteriore). Le cause più comuni sono verosimilmente le lesioni muscolo-legamentose e i processi degenerativi legati all’età nei dischi intervertebrali e nelle faccette articolari. I fattori di rischio comprendono attività fisica pesante, piegamenti frequenti, torsioni, sollevamento, tiro, spinta, lavoro ripetitivo, posture statiche e vibrazioni.
In presenza di una lombalgia cronica, che si protrae nel tempo oltre le 2-4 settimane, possono essere necessari approfondimenti diagnostici per escludere la presenza di cause gravi (Red Flag), cioè tumori, fratture, infezioni ed altre cause, che possono richiedere interventi medici specifici, ma che statisticamente riguardano circa il 5% dei casi di mal di schiena.
In assenza di Red Flags, cioè di cause gravi, opportuni interventi fisioterapici possono contribuire efficacemente a ridurre la sindrome dolorosa, ed a migliorare le capacità funzionali e la qualità di vita, senza ulteriore ricorso a farmaci o ad altre terapie medico-chirurgiche.
 
Il trattamento del mal di schiena
Il corretto trattamento del Mal di Schiena deve rispondere a tre criteri fondamentali:
-          allungamento e stretching della catena muscolare posteriore, costituita dai muscoli paravertebrali, e dei muscoli posteriori della coscia e della gamba (ischiocrurali e tricipite surale);
-          rinforzo dei muscoli addominali (retto e trasverso dell’addome e obliqui addominali)
-          educazione ergonomica e posturale nelle attività della vita quotidiana
Il trattamento della lombalgia si basa su una serie di esercizi, parte dei quali vengono effettuati con la collaborazione del fisioterapista; l’efficacia del trattamento richiede peraltro che alcuni esercizi vengano effettuati a casa,  dopo essere stati insegnati dal fisioterapista affinchè siano svolti in modo corretto in relazione alla condizione generale del soggetto interessato.
Alcuni esempi:
-          Esercizi di stretching
-          Educazione ergonomica e posturale
 

 Print   

 Dott. Graziano Ferrini Minimize

Dott. Graziano Ferrini
Fisioterapista
Trattamento di
Riabilitazione post operatoria e post traumatica
Assistenza domiciliare

 

Tel. 02-9818568 - 348-0500679

 Print   

Copyright (c) 2000-2006   Terms Of Use  Privacy Statement
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation